451

Crediamo nei talenti, quelli d’oro.

Ponti d’oro ai talenti, soprattutto se e quando fuggono verso altri lidi, perché non vogliono piegarsi inchinarsi incatenarsi alle leggi, del mercato.

C’era una città d’oro, sotto, anzi, dentro lo scatolone di sabbia, ma l’hanno scoperta gli altri. Peccato, staremo più attenti la prossima volta, forse.

Ballate sul mare salato, del mare salato, ballate dentro rotonde sul mare: ballate, plurale femminile, talvolta esortazione categorica, nel senso della categoria; ballate sul mare e chi riesce a stare a galla anche senza essere stupido, avrà salva la vita.

Però dovrà poi navigare sulla zattera, quella della Medusa.

Medusa meravigliosa, chioma spettacolare, soprattutto tentacolare; tra i tentacoli della vita moderna del Mondo Dopo, i tentacoli della Circe – non circense – le tentacolari tentazioni, i tentativi tentati, gli esperimenti di trasformarci in vera umanità libera, forse meglio i tentacoli dell’intelligentissimo Ottavio Octopus; sarà una piovra, nessuno lo può negar/annegar, almeno ci affideremo a un essere con molto cervello.

Strage, del malaffare del profitto della stupidità, ché la furberia criminale ha le mani lunghe e rapide, ma gambe microscopiche per strisciare, vista e fiato cortissimi, inesistenti.

Viva la Luna Rossa notturna, ci annuncia invasioni vegane ma ogni tanto diventa super; scienziati farmacologici e ingegneri genetici stanno già progettando il super rimedio miracoloso: sarà efficace contro tutti i mali del Mondo, speriamo anche delle Persone; i venditori ambulanti del portentoso ritrovato hanno già pronto lo slogan per la reclame porta a porta, anche perché se non vi presenterete per l’inoculazione, arriveranno loro in camper a stanarvi, casa per casa: Nirvana vaccinale e sarà Vita Eterna, garantita!

Caro Inca primitivo, come il Primitivo non dello Yucatan ma di Manduria, lo sapevi che hanno recuperato un prezioso antichissimo manoscritto che racconterebbe tutti i segreti del Tuo impero meraviglioso, prima della vile aggressione con sterminio incorporato da parte dei conquistadores iberici? Bello un certo Tempo Antico, quando senza parola scritta, solo attraverso nodi – sarà nata all’epoca l’ideale geniale del memorandum con nodo al fazzoletto? – e un complesso sistema tessile di cordicelle, eravate in grado di predisporre dettagliatissimi libri, pieni zeppi di storie, informazioni, documenti contabili.

Gli ingorghi gordiani sono venuti dopo, per tacer delle spade.

La Norma di Vincenzo Bellini (Casta Diva, greca nascesti a New York).

In questo paese devastato dai maiali – chiedo venia ai veri suini, terra meravigliosa porco paese – è sempre tutto a norma, comprese le catastrofi su cui poi gli amici dei soliti amichetti realizzeranno altri profitti. Vale per le infrastrutture, vale per la scuola e per la sanità. Rammentate il caso atrazina nell’acqua potabile, nei sudici festaioli anni ’80 del 1900? Un veleno, certo, ma è bastato fabbricare una leggina tanto votata in Parlamento che stabiliva l’innalzamento del tasso di tollerabilità nell’organismo umano: morire sì, ma perfettamente a norma!

Democrazia e Costituzione sono state assassinate quel giorno: 9 maggio 1978. Una prece per chi rammenta e tanti saluti a tutto e tutti.

Oggi raccogliamo l’onda lunghissima degli effetti, in Europa, sul Globo. Amen.

C’è chi la norma è riuscita a ridurla a farcitura dei tortellini:

sarà così più assimilabile tollerabile digeribile?

Meglio affidarsi all’aitante Vigile del Fuoco – mangia fuoco o ignifugo? – numero di matricola 451, un bel falò propiziatorio, dei libri delle vanità e passa ogni paura timore fobia, soprattutto, tutti gli oziosi dubbi.

Eliminati i perché – si sa, sono cose da bambini – vivremo finalmente beati.

O beoti? La risposta, alle prossime spettacolari pandemie.

Foresta di Sherwood (cartonato verde)

Pagina dei verdi anni che, come cantavano i poeti, non tornano più.

Quaranta anni: sono verdi e pochi, oppure il contrario? Se ti candidi per governare un paese, una confederazione, dipende.

Viaggiare nel tempo è facile, se sai come farlo; nel frattempo, meglio uccidere Kronos – senza offesa – potrebbe risultare più disastroso attendere il fiero pasto del padre che divora i propri figli.

Il laser ci aiuta a scoprire studiare cambiare prospettiva sulla storia dei Maya, resta l’annoso amletico misterioso dubbio: come avranno fatto Loro, senza computer senza app senza algoritmo, a costruire le piramidi andine, mesoamericane, laggiù e anche lassù nello Yucatan?

Lo sapevi, caro Maestro Artusi, che il buon cibo influisce sul benessere della mente, non necessariaMente umana? Lo hanno stabilito questi infaticabili, infallibili scienziati del Mondo Dopo. Mica pellegrini.

Quanto sono ostinati, poco collaborativi i Migranti che insistono a fuggire da guerre, persecuzioni di tutti i tipi, mutamenti climatici catastrofici, miserie assortite? Cosa pretendono da noi, privilegiato evoluto supremo Occidente, campato in aria alle loro spalle, sulle loro spalle, sulla loro pelle? Continuano a imbarcarsi, naufragare e morire annegati nel nostro mare dell’infamia, solo per metterci in imbarazzo, solo per nausearci prima dei pasti, prima dello shopping compulsivo su internet.

Piantagrane, meglio che granate, pianta del grana e del parmigiano;

a proposito: quanto ci piace organizzare summit sempre più nobili, sempre più assembrati (accozzagliati?), sempre più retorici sull’urgenza ambientale; importante, spostare il limite temporale oltre ogni limite stabilito dalla Natura: 2050, 2060 e più in là, all’infinito. L’infinito non esiste, però presto verrà a presentarci il conto delle nefandezze, per esempio corrispondere somme ridicole risibili, per inquinare ancora, ma con la coscienza imbavagliata. Non esiste una transizione dolce, una transizione temperata, un passaggio edulcorato e graduale – i gradi sono già troppi, esorbitanti – ché come sentenziava il rugoso, ma saggio Maestro Joda: non esiste provare, esiste fare o non fare.

I Draghi sono verdi o rossi? Stanziano parte del loro tesoro per la presunta rivoluzione ecologica, ma sembra proprio una rivoluzione del Pirro, giravolta su sé stessi, per restare fermi immobili anaffettivi, sul punto casella economia di partenza.

Carissimi Cochi e Renato, dove arrivi se parti, certo, ma che partenza sarebbe, se resti fermo, soprattutto al palo senza frasca?

Da Get Back a Cash Back, non troppi passi, avanti, già detto e scritto volte plurime: un metodo ideato dallo sceriffo, quello di Nottingham, rubare ai poveri – come si sa, sono sempre tanti, ma in certe occasioni tornano utili – per favorire i ricchi. Del resto, se non aiuti i ricchi, l’economia neoliberista s’inceppa e l’ingranaggio crolla.

Tutto dipinto di verde, perfino i pappagalli e i camaleonti sembrano vinti dal tedium vitae, dallo spleen, dalla noia cromatica, cromosomica: adesso anche la carta verde – non per facce come deretani – per circolare indisturbati; nell’arcaico Mondo Prima era riservata agli studenti universitari per viaggi scontati – meglio che i viaggi siano sempre sorprendenti e che la meta finale sia solo il percorso stesso – su convogli ferroviari, il libro verde degli stati civilissimi uniti su cui erano pubblicati i nomi delle strutture ricettive adatte ad accogliere l’uomo nero e non sarà chiamandola con idioma anglosassone che muterà sostanza e natura: incostituzionale, illegale e tu illustre Mario, dell’omonimo bar di provincia, dovresti saperlo.

Tornare alla civiltà agricola, non solo al museo dedicato, a Palazzolo Acreide: giorni di intensa luminosità, Cielo vicino, anima e materia distinte, ma convergenti verso lo stesso Orizzonte. Muretti a secco addolciti e ombreggiati da maestosi Ulivi, a incorniciare gli unici sentieri possibili, quelli umani.

Hey politicanti economisti amministratori cingolati, vi sorprenderà sapere che al momento, anche nel Mondo Dopo, la tecnologia più forte avanzata evoluta intelligente che abbiamo per combattere – la vera guerra, come garba a voi – contro la co2 nella nostra atmosfera, resta il patrimonio arboreo: quello che noi bipedi fallocefali stiamo allegramente massacrando in nome del dio profitto.

Vil razza dannata.