Fantasmi (una generazione chiamata Futuro)

Pagina Bianca, Pagina dedicata ai miei amati Fantasmi.

Quelli dell’Infanzia, pagina bianca della Gratitudine per Voi che non mi avete abbandonato, mai.

Non mi avete lasciato solo nemmeno per un giorno della mia vita, neppure per un istante.

Cari, carissimi, preziosi Fantasmi oggi che anche Voi siete partiti dalla nostra base comune e segreta, inaccessibile per chi ha inaridito e smarrito la Fonte dei Sogni, ecco, sappiate che l’unico, grande sentimento che nutro ancora nei Vostri confronti è solo questo: Gratitudine.

Mi avete indicato la rotta quando, solo per colpa mia, vagavo senza orientamento nel Mondo e confondevo la visione dell’Orizzonte con miraggi insidiosi.

Mi avete sussurrato le antiche gesta degli Eroi della Fantasia, i fatti e i valori degli Eroi della mia Famiglia: quelle erano le risposte ai dubbi dilanianti, quelli erano gli esempi per edificare una nuova personalità, nuovi modi di vivere e camminare nella Vita.

Grazie Daniele, eri il più piccolo, ma il più intraprendente, la tua natura come quella del Tuo papà Comandante di vascelli era di esplorare il mondo, con audacia, sempre;

Grazie Maurizio, prima acerrimo nemico istigato dall’erba cattiva, dalla gramigna coltivata e somministrata dalla tribù dagli invidiosi, poi Amico di avventure campali;

grazie Andrea, Fratello che sei rimasto sempre ritto e inafferrabile dalla stessa parte del Giardino incantato;

grazie Nicola, compagno inseparabile di una sola memorabile stagione, insieme eravamo gli Huck&Finn della scuola;

grazie Luca, Artista dalla nascita, pomeriggi indimenticabili di studio merende invenzioni della fantasia;

grazie Giovanna, fatina delle Elementari;

grazie Monica, principessa del Castello, principessa degli Abeti che dominavano la vallata e diventavano la nostra scorta arborea contro ogni minaccia quotidiana.

Grazie, sia scritto a chiare lettere, con inchiostro indelebile, su questa pagina bianca del commiato, dedicata a Voi Fantasmi dell’Infanzia, a ciascuno di Voi che abita per sempre nella memoria e nell’anima. La pagina cartacea e quella virtuale saranno presto solo frammenti minuscoli, invisibili, fluttuanti nel vento cosmico che tutto avvolge e trascina via e disperde negli eoni del Tempo, rendendoli incorporei, ma eterni.

Tutto scorre, tutto finisce, non le Emozioni, non la Gratitudine.

C’era una volta una generazione chiamata Futuro, correva sui mari d’erba, alle pendici di montagne incantate azzurre color di lontananza, ma anche di speranza in favolosi tesori nascosti su isole della Fantasia; una generazione che in miniere di sale scintillante ha costruito in segreto fantasmagoriche astronavi per viaggi interstellari.

Futuro è partito, in modo saggio, senza di noi a bordo.

Pagina Bianca dell’Arrivederci: in un’altra Galassia, lontana lontana, o, semplicemente, parallela.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...