Digestio

Pagina della prima digestio, quella che fit in ore.

Fit nel senso che avviene si produce si manifesta, non nel senso del fitness che per qualcuno tra l’altro, farebbe male alla salute.

Maledette lingue morte, vi amo, anche se siete classiche e soprattutto razziste.

Ore pasti, ori fizi non contini; Lei con quella bocca può dire quello che vuole: ma Le pare.

Eruttare fa bene, dopo i pasti, meglio se regolari: i pasti – senza telefonate minatorie della santa tranquillità – e le eruzioni; eruzioni vulcaniche, obbligatorietà di puntigliosità, con l’arietta che tira. Anzi, spira, sperando di spirare il più tardi possibile.

Se giungesse l’ora fatale, potrei non essere presente, soprattutto a me stesso.

A dare retta agli ultimi – in ordine cronologico, non assoluto – studi della scienza (rigorosamente con iniziale minuscola umile sperimentale e dialogante), le potenti manifestazioni dei vulcani garantirebbero alla Terra, a madre superiora Gea, un momentaneo sollievo con significativo abbassamento della propria temperatura. Una sorta di naturale panno fresco per alleviare il Pianeta dalla febbre divorante che lo attanaglia negli ultimi sciocchi decenni.

Tutto si digerisce con gli adeguati succhi gastrici, anche le restrizioni reiterate dei diritti e delle libertà costituzionali; così le discutibili norme emergenziali causa pandemia, vengono utilizzate – questi sì pretesti pretestuosi fuori contesto – per punire chi manifesta contro la realizzazione di sedicenti grandi opere che di grande hanno solo la distruzione di ambiente e salute, e – Lapalisse docet – i profitti delle aziende coinvolte.

Del resto, siamo passati dal cantare al karaoke collettivo ‘mi ricordo montagne verdi’, a ‘mi ricordo trivelle verdi’: non è difficile commissionare i testi delle canzoni che approvano/autorizzano strategie contro ambiente e salute ai parolieri più funzionali all’uopo, con opportuna oliatura di parole e arrangiamenti, e l’LP – vinile questo sconosciuto – il concept album come si diceva in quell’evo lontano del Mondo Antico anticato antiquato è servito, stampato, pubblicato; senza obiezioni, con il plauso unanime plebiscitario della sedicente critica specializzata.

Digerire, separare, soprattutto certe notizie, il grano dal loglio (non luglio con il bene che ti voglio): individuata nuova classe di pianeti in qualche parte dell’Universo, potrebbero favorire l’origine e la proliferazione di microorganismi molto resistenti, grazie alla presenza di oceani di una temperatura mite e di atmosfera ricca di idrogeno; la scoperta di alcuni astrofisici di Cambridge – contrari alla Univerexit – ha però scatenato nuovi appetiti di dominio e ridestato la caccia alla vita aliena; l’unico dubbio resta quel condizionale, questi Pianeti hanno già fatto sapere che eventuali sedicenti umani, soprattutto se multimiliardari, saranno respinti se sprovvisti di alienapass e ricacciati dentro qualche buco nero per autostoppisti galattici clandestini.

Come digerire bocconcini di bufale, non campane né dall’Apulia felix, no: le bufale degli ex professionisti della fu informazione, quella che un tempo al servizio della democrazia e dei cittadini faceva le pulci ai poteri/potenti; il rimedio miracoloso a stelle e strisce da strumento emergenziale, avrebbe ottenuto la definitiva approvazione da parte della gilda alchimistica indigena; peccato che leggendo meglio tra le righe – uffa, tutte quelle fitte parole vergate in albionico idioma – emergerebbe la solita realtà paradossale, per chi di solito la distorce a proprio uso e consumo.

Difficile digerire anche la storia dei fantasmi di Sabin e Elvis, arruolati a forza e a loro insaputa, tra le schiere degli aedi pro fluidi traumaturgici; fossero vivi e/o risorti, sai che carezze a tempo di rock agli ipocriti del Mondo Dopo; sempre più numerosi, ma a quanto pare, tutto ha una data di scadenza, perfino la presenza dell’ossigeno nell’atmosfera del prezioso pianeta Terra.

Comunque, anche l’Asteroide in rotta di collisione con l’Azzurro Pianeta, ha diramato via twitter e instagram la sua decisione finale: cambio rotta cambio stile cambio strada, non digerisco gli impatti, soprattutto con gli uomini.

Orizzonti perduti nella tua luce, non si scordano mai – come strumenti divini perfetti – e forse anche i segni i sogni più belli, prima o poi, inattuati, finiranno:

‘metalbolizzati’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...