Lo spleen diabolico di Fu Manchu

Don Antonio, dove sei?

Scontri epici, tra un intellettuale prete – forse non convinto, di indossare la tonaca, non dalla Cultura – e un adolescente ingenuo, rintronato dai Sogni, in crisi perenne tra l’imperativo categorico del giusto dovere e la naturale necessità di ribellione all’ordine, pre costituito.

Spleen e dintorni, esistenzialismi varj e assortiti, epici romanzi ottocenteschi, gotici, e non solo; tedium vitae e l’eroismo nell’atto supremo del suicidio eroico, trafiggendosi il petto con il pugnale, non con la volgare, vigliacca arma da fuoco, dopo una breve inutile vita di passioni fatue, scelte mancate, oceanici carteggi amorosi, senza orizzonti.

In questo contesto romantico, stabilite Voi se per temperie culturale dell’epoca o per vano sentimentalismo individuale, si inserisce la ferale anche un po’ feriale notizia dell’addio alla mondanità del discusso, ambiguo, per alcuni geniale, Dottor Fu Manchu: “Mi ritiro, vado in pensione, mi rottamo da solo, in questo mondo non mi diverto più. Nessuna possibilità di architettare congiure intrighi complotti, grandiosi come un tempo che Fu, grandiosi come… me“.

La sera conosce cose che il mattino nemmeno immagina – al meriggiare, pallido e assorto, non solo spremute di Sole e agrumi contro il logorio della vetustà, ma inedite sorprese – con un teutonico motto, di spirito e/o saggezza, simuliamo serenità.

Sarà arduo metabolizzare il congedo del Dottor Manchu, Fu Lui, ante litteram, in tempi oscuri ma non sospetti – non ancora – a insegnare ai Suoi seguaci la lezione fondamentale: chi controlla le parole e le informazioni, stringe il Mondo nel proprio pugno (verrebbero alla mente certi scherzi proto scroto goliardici in ambito militaresco, ma sopra sediamoci sui dettagli scabrosi).

Chiaro limpido lapalissianissimo: non può più esserci posto per un Complottista nato in una realtà dominata, disegnata, creata momento per momento, da chi possiede tutti i capitali – di conseguenza, le Capitali – del globo; costoro, anche se furbi ma non intelligenti – ché sempre, la furbizia è negazione dell’Intelligenza – possono permettersi il lusso di comprare tutti i vocabolari esistenti sulla Terra e comandare agli scriba mercenari di mutare ad libitum il significato stesso delle parole, di tutte le parole fino ad oggi conosciute, anche di quelle sconosciute, anche di quelle ancora da inventare (per creare nuove realtà funzionali ai loro progetti), per sovvertire senso significato significante etimo dei vocaboli sgraditi, quelli che con la loro semplice permanenza passiva in un impolverato decrepito incartapecorito Dizionario, minaccerebbero di mettere a repentaglio reputazione, piani mesti, di sbugiardarli beffardamente agli occhi dell’affezionata platea di Popoli universali.

Se avete vecchie enciclopedie cartacee, vecchi dizionari, cartacei anch’essi, perfino gli Antichi 15 (generazione 1970 presente, conosce bene il prodotto) custodite tutto gelosamente, anche con le armi, visto che siamo in guerra: quando meno ve lo aspettate, potrebbero cambiare il significato o abolire le Parole sgradite al potere.

Dallo scudo spaziale, allo scudo enciclopedico: ecco, questo sarebbe davvero un segnale di Progresso.

Fratello Maggiore, dove sei? Non ti conosco, e forse oggi mangi anche Tu a quattro palmenti nella greppia della Vecchia Fattoria dei Maiali, ma quanto avrei bisogno della Tua autorevolezza, delle Tue illuminanti parole.

Speriamo caro Paul, come invocavi Tu, che Eolo gentile distribuisca ancora effluvi di menta e timo, tutto il resto è paccottiglia, chissà quanto letteraria.

Viaggio al termine della Notte, ma se la Notte fosse infinita? Questa è la notte di un destino, dovrei vorrei correre come il vento, non c’è tempo per riposare dormire ancora, provare a correre come il Vento e forse riuscire a essere di nuovo libero.

Adorati Fiori del Male, in alto i calici, brindiamo alla partenza – no dipartita, per dove, poi? – del diabolico Dottore, con l’Assenzio spumeggiante:

non confondetevi con le bocce di arsenico, vero Igor?

Istinto felino

Pagina della solidarietà, al dio dei venti Eolo.

Sarà un po’ bricconcello, birbone – lo ammetto – come in fondo tutti gli Dei dell’Olimpo. Il cui vero grande torto è di somigliare in modo sospetto agli esseri umani; o viceversa.

Un repubblicano, pare il grande capo bianco del Texas – amo il Texas, soprattutto Tex Willer, sia chiaro – avrebbe accusato il malcapitato Eolo per gli sconvolgimenti climatici che stanno devastando lo stato della Stella Solitaria, causando vittime e immensi disagi tra i suoi abitanti: tormente di neve mai registrate prima, distruzione totale delle infrastrutture energetiche, dalle quali dipendono luce artificiale e riscaldamento domestici.

Correi i tralicci delle pale eoliche; sul banco degli imputati, nemmeno troppo velatamente, la riconversione energetica green&blue, le fonti rinnovabili e sostenibili dall’Ambiente; un atto di accusa infantile – aggettivo che utilizzerei, se non temessi di offendere la grande intelligenza dei Bambini – lanciato sgangheratamente da uno dei regni del petrolio e del gas!

Dear Mr. Greg Abbott, se fossimo ai tempi di Rugantino – do You know Rugantino, Trastevere, Garinei&Giovannini? – ti direi: abbottate! Nel caso di agnosticismo esasperato, cerca video esplicativo sul sito del Tubo.

Negare sempre, l’evidenza soprattutto; colpire per primi, lanciando pietre aguzze di stupidità, per non ammettere responsabilità colpe omissioni connivenze: il peggio sempre sulla pelle altrui, sulla vita delle persone ignare, durante catastrofi e tragedie che non risvegliano, quasi mai: coscienze e intelligenze, solo il primordiale istinto belluino di tribù.

Gli Usa prima potenza industriale del Mondo, democrazia più importante del globo che barcolla su sbrindellate infrastrutture energetiche, di trasporto, di comunicazione? La realtà non è ideologica, né faziosa, solo uno specchio forse amaro, però equo incorruttibile, inesorabile nel rimandarci indietro le nostre debolezze ipocrisie ambiguità.

Il Congo Congo, Africa, è il simbolo il paradigma la prova provata più lapalissiana della criminosità ontologica del sistema economico predominante: diritti umani? Non esistono i diritti e nemmeno gli umani, perché questo va bene alla bulimia di profitto delle multinazionali che restano l’unico governo, il solo regime nazifascista mondiale.

I bambini muoiono in schiavitù nelle miniere per estrarre i minerali che servono a produrre i gingilli elettronici dell’occidente? Inconvenienti del mercato neo liberista. Il popolo muore di fame, ma le milizie sono armate con gli ultimi ritrovati della masnada bellica bellicista. Chiedere dettagli al coraggioso missionario Padre Pino Locati che vive tra quei derelitti e non organizza convention con miliardari in mezzo a tavole imbandite in sontuosi palazzi.

A proposito, il ‘nuovo’ big boss statunitense, traslocato dalla casa di riposo e collocato in quella bianca, appare poi nelle sostanza non troppo dissimile al suo predecessore folkloristico: democratico forse – mah – ma guai a mettere in dubbio il pilastro fondamentale del commercio di armi, anche con l’Egitto del famigerato benefattore Al, Sisi. Regeni e Zaki, chi sono costoro?

Anni struggenti dei Tropici: se il clima si tropicalizzasse, ti tropicalizzeresti anche Tu (Calippo dance memories)? La risposta dopo la Piña Colada d’ordinanza, sorbita attraverso cannuccia, indossando mascherina veneziana, altrimenti sarebbe troppo semplice; tutto a rigore di dpcm, uno caso, perché se uno vale uno, uno vale l’altro.

Ancora problemi organizzativi per la prevista distribuzione dell’elisir, di lunga o accorciata vita: nonostante le razioni siano state affidate alle sapienti zampe dei Draghi. L’impero globale sta pensando a una soluzione alternativa, definitiva: ingaggiare tutti i druidi del sistema solare, allocarli quartiere per quartiere, affidare loro la preparazione della pozione magica dagli ingredienti segretissimi; la somministrazione avverrà in forma individuale, dopo opportuna formazione di ordinate precise file, senza assembramenti, solo adunate sedate e silenziose. Fondamentale sarà l’ingrediente decisivo, l’unico al momento noto al pubblico e ai media: il vischio, opportunamente raccolto e sminuzzato con falcetti d’oro forniti generosamente dai pochi mecenati filantropici sul globo, i quali, ormai annoiati dal quotidiano tram tram terrestre si accingono al balzo nell’iper spazio, armi e forzieri, rotta verso nuovi paradisi fiscali cosmici; lasciando però questa generosa opportunità di salvezza agli sfigati ancorati alla cara, malandata Terra.

Nessun complottismo di ritorno di risulta di ruminazione, anche perché temo il severo giudizio del Professor Eco dall’Empireo degli Intellettuali: confermo la mia abiura, non esiste un piano segreto dei Poteri Oscuri per l’eliminazione delle masse umane popolari; abbiamo fatto tutto da soli e abbiamo lasciato di stucco i cattivi del Vecchio Ordine globale, con lo stucco e il cerone sui volti cadenti e incartapecoriti, con un palmo di naso (Cyrano, non ti urtare); i nostri stili di vitaccia non sono negoziabili, però prevedono inquinamento e distruzione a go go; così gli spermatozoi sono sempre più stanchi, svogliati e addirittura rari rarefatti, come i neuroni.

Per legge universale del contrappasso controcanto contro informazione, nell’aria si avvertono già i sentori della moltiplicazione esponenziale degli ormoni dei felini in calore, odori pungenti, selvatici, tra un annunciato tripudio di primule margherite violette. Maledetta benedetta incipiente Primavera.

(Aristo) Gatti battono umanità: molto istinto intelligente a quasi zero.