Scherni schermi screzi

Pagina dello Scherno. Dello scorno, scuorno parte nopeo parte napoletano, corno, cornetto rosso apotropaico.

Telescherno, schermo nel senso di scudo – penale? infernale? – schermo blu, Paul e Nina sempre con noi.

Fermare in tempo il tempo per prendere il sopravvento – o la bolina? – restando, si badi bene, sotto coperta.

Sotto coperta, sotto copertura in missione, senza copertura, non solo ci sono rischi causa cecchini c(i)ehi in agguato, ma per mancanza di campo; difficile correre senza campo, difficile scegliere un campo, in assenza di campi; odiando gli ignavi, bisogna spesso operare una scelta di campo, nella Vita. Almeno una volta, optare per un campo: determinato preciso riconoscibile, o, in alternativa alternativamente, per una chiara metà campo. Meta visione, meta fisica, meta terrestre; terrestre a metà, l’latro 50% di natura sicuraMente aliena.

Seppelliti in siti litici per seppelliti, meglio se da una risata ridendo – a crepapelle – crepando dal ridere, ridere per crepare, in allegria. Le crepe poi, le cicatrici i tagli di Fontana, Lucio – non quelli alla sanità lombarda – o meno sono come medaglie, come i cerchi sulla parte interna della corteccia degli Alberi.

Il Fratello Maggiore ci osserva e ride forte di noi: si piccona da solo le parti intime perché ad alcune raffinatezze non ha pensato lui, costringerci a vivere in un regime autoritario globale con assonanze naziste – chi non le ode, lavi accuratamente i padiglioni – indicando come pericolosi manifesti razzisti poesie animate intitolate Dumbo e Aristogatti; le risate del Fratellone ci inseguono ovunque e dovrebbero risvegliarci dal torpore ipnotico, invece, peggio di Jim Carrey in the Truman Show senza The Mask (anzi, con), crediamo di essere responsabili, virtuosi attori di un capolavoro, di un kolossal… un colosso dai piedi di argilla che affonda nemmeno troppo lentamente in un oceano di letame.

Cloaca, però massima, a cielo inquinato.

Anche Frau Blucher ha preferito abbandonare questo irriconoscibile, poco frequentabile Mondo Dopo: auspichiamo che una mandria di indomabili puledri Le renda omaggio con un nitrito di rispettoso commiato, auspichiamo che nella nuova dimora, nei Castelli del Cielo, celestiali violini La consolino e La rallegrino, in eterno.

Obnubilare le pudenda per pudore o vergogna, ma anche la vergogna ormai è sentimento essenziale rottamato. Siamo prima europei o assordanti sorde sordide campane del nostro paesucolo natio? Meglio il borgo isolato assiso sulla collinetta o l’allargata affollata intruppata comunità, variegata come il gusto malaga, gelato quasi estinto come i Poli terrestri?

Screzi screziati, scherzi da prete o da marinaio poco importa, screziare la debole fragile eterea tenuta sociale, in nome dell’auto propaganda, della auto promozione del sé strabordante, mercanteggiare il proprio nulla e indossarlo, meschinaMente.

Più facile fronteggiare mostri e draghi, sconfiggere nani e giganti di molto adirati, che avere ragione, ridurre a ragione, ragionare con il Male, quello virale in quanto interiore, congenito.

La Grande Risata finale ci seppellirà certo, ma siamo davvero duri di comprendonio e financo a perire.

Pere sì, Williams, con Maraschino.

Starzinger Dreams

Pagina delle Cadute rovinose da basi lunari, cosmo vascelli, asteroidi vagabondi;

discese poco ardite senza rete, senza elevatore; risalite improbabili per assenza di forze (armate muscolari mai schierate), appigli immaginari tra pareti di roccia millenaria, bruna tagliente scivolosa, meravigliosa inaffidabile.

Cascate primigenie, genius loci – almeno il luogo, anzi lochescion, dispone di un Genio – potenza e bellezza allo stato puro, senza stato né leggi, quindi indomabili.

Panorami che mozzano il respiro, mozzi sotto coperta per timore reverenziale, mozzafiato in ogni senso, possibile e impossibile, probabile improbabile, cabalistico alchemico. Sentieri scoscesi per tentare di risalire in cima, vette inaccessibili, puntare spuntoni debolmente carezzati nell’intrico arboreo da furtivi tenaci impavidi raggi di Sole.

Opzioni disponibili: poche e poco malleabili, più spesso zero opzioni, situazione perfetta per indecisi timidi impreparati al tutto o anche solo al microcosmo individuale.

Piccolo spazio pubblicità, piccolo strapuntino quotidiano ove accucciarsi tremebondi indolenti.

Colmare pupille intorpidite da eccesso di ologrammi con anime silvane selvagge, non schedate non omologate non certificate; magnificenza a passo non d’uomo ma di Natura, lento costante ciclico, gamba adeguata, senza orgasmi, riflessiva cauta, guardinga circospetta concentrata, solo sul respiro e sul terreno; produrre non merci inutili senza senso senza valore, ma fantasie e introspezioni nelle spelonche dell’anima per (ri) guadagnare la Vita.

Senza distrazioni fatali, incaute evasioni.

Zavorrare il proprio corpo mortale, diletto e prigione, al percorso più aspro e tortuoso, genuflettersi alla Montagna e alla Natura, muovere arti (anche mestieri, senza offesa) mandibole pensieri con sapienza, scevra di supponenza.

Elfi, Nani, Folletti, Hobbit (no hobbies, grazie), Giganti, anche qualche Orco perché in FantasyLand nessuno è clandestino, mimetizzati tra fronde, tronchi, rocce, ombre, anfratti, osservano, silenziosi e beffardi, lo spettacolo di arte varia avariata di un uomo stagionato da troppe stagioni, innamorato dell’Universo, così bislacco da sfidare a singolar tenzone tutti i suoi limiti, difetti, patetici ipocriti auto inganni.

Nessuna scorciatoia, nessun compromesso, compagnie senza anello magico al naso, zero trucchetti, senza rete su cui planare al momento opportuno o da cui scaricare app tutorial tutori mentali, facili sos to the World, fuori sacco dentro bottiglie di vetro.

Gambe mani testa Anima Coraggio – anche senza I Maggio – Sangue al cuore Carne Fiato Occhi spalancati Vista acuta (se non mente), non una peculiarità di meno. Non compariranno elicotteri travestiti da Valchirie, non Cavalieri dell’Apocalisse, senza visione ampia complessa complessiva.

Il Cielo sarà sempre più blu, ma anche sempre un passo in salita quasi verticale, oltre la testa terrestre e prigioniera di sé stessa.

Anche a testa china, con polmoni al collasso, dopo salasso energetico psicofisico, solo immaginando qualcuno che sogna di volare, Icaro stesso, potrai raggiungere il portale, il valico tra Terra, Cielo, Mare, il leggendario etereo confine sull’Eternità, dove abitano Camaleonti canterini, Felicità dormienti, Fiori pronti a sbocciare.