Faville e Piramidi

Pagina Bianca delle Faville.

Pagina bianca, terrore dello scrittore, creativo o meno; nel caso del meno, meno preoccupato. Bianca come sabbie del deserto, bianca come spiagge cristalline, Bianca, ma di Nanni Moretti, con gigantesco vasetto di cioccolata spalmabile, petit cadeu.

Pagina delle faville, pupille speriamo spalancate senza costrizioni all’arancia meccanica, delle Favelle, mute però in moto costante, delle novelle, attendendo senza attentati alla nostra psiche labile (psicolabile, psiche abile e arruolata, dalla Vita, per forza e per amore), quelle liete; finalmente liete, le più liete, lievi, da Liegi – Bastogne – Liegi.

Chè se hai dentro faville che fanno scintille, anche pedalare sul pavé, in salita Pantani, controvento nomade diventa meno arduo, complicato, dispendioso.

Non sottovalutare mai il potere dello Zero, dottore, cifra o linguaggio macchina, può annientare o rendere molteplici.

Non sottovalutare l’O di Giotto, per tacer di Cimabue, l’o dell’amato pio bove, lo oh di Meraviglia.

Fanciullino, questo non è un giogo, sia chiaro.

O come gli Okapi dell’Uganda, un po’ zebra, un po’ giraffa, molto a rischio per la stolida solida stupidità umana. Speriamo che la gran PadreMadre del Popolo Okapi faccia fuggire tutti i bricconi bracconieri che da bambini di sicuro non seguivano mai il Braccobaldo Show, né Woobinda.

Non è mai troppo tardi, a parte quando si emigra da una dimensione all’altra: Muhammad Alì, fu Cassius Clay, danzando e pungendo come un’ape farfalla, nonostante Parkinson fosse già dentro di lui, salvò una Vita; molte altre ne salvò, a casa sua e in Vietnam, quando rifiutò l’arruolamento e soprattutto la guerra come unico mezzo per dirimere litigi tra Popoli; eppure era un Guerriero, vero ma saggio. Soprattutto, un Uomo.

Candelora, ora della candela o waltzer delle colate di cera, illuminanti: se appare il Sole – così è, se vi appare – dall’inverno generale semo fora, ma se piove e tira vento, qualcuno che busserà a questo convento apparirà, di sicuro, concreto fisico, con tanto appetito.

Cartellino giallo al Popolo gregge compatto, tutti fuori dalle stalle, ché il mercato ha bisogno di noi e soprattutto dei nostri ormai esigui esangui risparmi; se però la curva finale, del cielo, della pandemia, o d’asfalto – vi asfaltiamo, ma solo se voterete per noi! – prima dell’ultimo rettilineo risale, diventiamo in automatico, per dpcm: irresponsabili, criminali, financo untorelli mercenari, mentre si dissolvono – dissolvenze virate in seppia o in nero di seppia – le ultime memorie manzoniane; le colonne infami o gloriose sono state abbattute dai nuovi seguaci della storia senza difetti, della storia incerta in quanto riscritta su tavolini a rotelle, da ignoranti totali con l’auto patente di moralità; storia a scelta dell’utenza virtuale del momento, storia minima senza memorie.

Viva la democrazia, viva i diritti umani, viva – resti vivo, se possibile – chi li difende, pochi coraggiosi e benedetti: in salsa birmana, putiniana, anche cinese, o del Katai in versione Polo, Marco; non dobbiamo, non possiamo protestare contro abusi e regimi, né pensare liberaMente, se i mega contratti economici sono più importanti e ingombranti delle vite umane. Questo il fardello ereditato da Mondo Prima a Mondo Dopo.

Pare che alle istituzioni internazionali deputate – depauperate – vada bene così. Del resto, chi può rinunciare a cuor leggero a vendere una modernissima, costosissima fregata corazzata in nome di qualche principio radical chic?

Che siate verticalisti o orizzontalisti, converrete che le foto panoramiche più incisive sono quelle prive di esseri, umani: la composizione poi verrà da sé, frugando nel campo largo tracce vestigia impronte delle opere dell’Uomo; una bella foto può essere considerata un errore? Certo, i trabocchi abruzzesi al tramonto costituiscono sempre un ottimo biglietto da visita, homepage o cartolina, ma vuoi mettere l’effetto che fanno con l’elemento di dissonanza, ad esempio una colossale piattaforma estrattiva, proprio là dove dovrebbero esserci solo mare sole cielo, forse Bellezza. Non ricadiamo nel ridicolo.

Le Piramidi con sullo sfondo una carcassa di centrale nucleare, struttura devastata diroccata abbandonata e ancora radioattiva, fumante, ancora molto radioattiva, sarebbero il top:

capolavori della razza umana o di qualche civiltà extraterrestre?

Pura genialità terrestre, idiozia davvero Extra.

In bilico (auto coccodrillo/epigrafe per il mio primo 50°)

Il 40 uno spartiacque, come Mosè (con aiutino metafisico) piantato in mezzo al Mar Rosso;

ma il 50, mannaggia al piffero e ai pifferai magici, spaventa: mezzo secolo, una vita intera, mica mezza. Fino a non molte generazioni fa, l’aspettativa media di permanenza sulla Terra si aggirava attorno ai 30, scarsi…

Mezzo secolo, saluti al gineceo alla grotta di Platone al peripato con tutte le Peripatetiche (io stesso, volente o nolente, a partire dal destino inscritto nel nome, sono figlio di quella cultura).

Affronterò la prova con equilibrio compostezza e dignità; si sa che, maturità a parte, gli esami non si concludono mai per davvero, a maggior ragione quelli superati.

Dunque, sobrietà e serenità: cribbio, il 50 non esiste, è solo uno stato alterato della mente e … un catartico vaffanculo, come direbbe Augusta, mia saggia vulcanica Amica romana.

Cos’è dunque questo 50? Pare simboleggi l’uomo totale (l’uomo del calcio totale della Grande Olanda anni ’70?), la forza della parola che induce all’azione, grazia (Graziella e …) gentilezza rigenerazione (ricominciare dal via? preferirei di no), ascensione spirituale (attenti alle truffe) illuminazione (cribbio, bollette anche nel delicato giorno del genetliaco?); associato al 14° Arcano dei Tarocchi, Angelo solare che personifica (se così possiamo scrivere) cambiamento, mutazioni (genetiche), trasformazioni (ottimo per un ‘fanatico’ di ‘anime robotici’); nella Bibbia rappresenta il numero della Festa e della Gioia (meglio di così!), nella Smorfia parte nopea e molto napoletana, il pane, l’alimento più importante e buono del genere umano. Ringrazio la Dea Partenope e mi ritengo appagato.

Ribadisco però, ci sono arrivato a mia insaputa, il 50 (mi sono fermato ai 30 con 20 anni di esperienza supplementare, come sostiene la mia Amica Cristina, mamma di Romolo e Akira) è nulla. pura immaginazione, FataMorgana nel deserto del Mojave, assieme ai Navajos; il 40 lo conoscevo bene e lo rammento meglio:

Costa dei Trabocchi (e trabocchetti della memoria emotiva), Eremo Dannunziano (Ella era una Turris Eburnea, Regina e Prigioniera della Torre, senza maschera di ferro), San Vito Chietino e Base Aldebaran; cena galattica per camminatori sulla Via Lattea, foto rubata, Ella catturava l’anatomia di un istante, me, tra Garbino e Scijone, assorto, intento a scrivere qualche sciocchezza delle mie: dove sarà mai finito quell’appunto?

Siamo tutti funamboli, a nostra insaputa. Forse. Io oggi diventato ufficialmente anagraficamente impietosamente vintage, di sicuro sì. In bilico, su una fune tesa tra due punti ignoti, sul baratro del nulla o di una tenebra cosi fitta e fonda che non consente di scorgere … il fondo, ammesso esista.

Sono un dinosauro funambolo, con alta percentuale di possibilità di traghettarmi integro sulla parete opposta (vero?); dinosauro senza dubbio, partito non solo dal precedente secolo, ma millennio, planato sul Pianeta Azzurro come Bia (o Mary Poppins) dal Mondo Prima.

Una sfida, non saprei dire se audace o idiota, alla paura dell’ignoto e della morte, nella speranza che Sogno e Poesia esistano davvero e siano astri immortali, non importa se a distanza siderale.

Del Tuo abbraccio avrei bisogno ora; ora avrei bisogno della mia copia del Trattato di Funambolismo (assonanza nemmeno troppo casuale con sonnambulismo), opera immensa non del piccolo Filippo ma dell’Artista della Vita, Philippe Petit; libro che Tu mi hai prima regalato e poi smarrito, in Corso d’opera di esistenza di progetto.

Carpire il segreto di come si possa conquistare l’Inutile, oltre ogni respiro interrotto.

Assaporo piano e con gratitudine il gusto, aspro e deciso, di ogni fallimento sconfitta dolore.

Quante volte sarà precipitato Philippe Petit?

p.s. Mio Papà quand’ero pargolo (non rammento) mi cantava il Piccolo Naviglio come ninna nanna e finiva poi per addormentasi, ma Lo ringrazio perché la passione per vascelli, pirati dal grande cuore, nobili corsari è certamente nata così; mia Mamma mi ha confessato che sono l’Impresa più bella che ha compiuto nella vita (“Pensa come stai messa”… Le ho risposto, con gratitudine); le Tre Nonne e lo Zio Aviatore mi hanno cresciuto con Amore Dedizione Fantasia;

Leonessa Flavia, infine ma mai ultima, è ormai proprio convinta di amare questo ‘vecio scarpon’…

Bilancio parziale: molto positivo.