Maturi, molto (troppo?) maturi

Pagina dei Fantasmi che riemergono dal Mare del Presente, quello lasciato alle spalle.

Fantasmi non solo in carne e ossa, ma simpatici, vero Luca?

Non siamo diventati vecchi, maturi, molto maturi, speriamo non così tanto – troppo maturi? – dal cadere dai rami e spiaccicarci al suolo; maturi sì, ma abbarbicati tenacemente all’Albero. Confidando che non giunga il consueto famigerato Borgomastro traumatizzato arboreo da piccolo e con la fissa del progresso a base di cemento e idrocarburi.

A proposito di idrocarburi, ora che perfino il Drago capo ha ammesso che la crisi del clima è grave quanto la virale pandemia, cosa potremmo inventarci per alimentare qualche oncia di speranza, qualche microgrammo di potenziale salvezza non del Pianeta, ma della razza umana vile e dannata? Di certo, serviranno a poco gli Orologi del clima nelle città – monumenti all’ipocrisia – e gli ispiratissimi discorsi dei sedicenti politicanti e/o industriali illuminati (fulminati?), bronzee facce capaci di dire che la transazione – transizione, mannaggia ai lapis freudiani – ecologica è santa buona giusta, ma non va perseguita (infatti, molti di loro andrebbero perseguiti) con furori ideologici. Se qualcuno ha un qi straordinario in grado di decrittare queste frasi, sia gentile: mi fornisca delucidazioni, con parole semplici immediate comprensibili. Anche se perfino la bravissima intellettuale scrittrice divulgatrice culturale Chiara Valerio sembra sia sul punto limite di gettare la spugna: il problema del paese non da oggi, ma da decenni, è di natura semantica, utilizziamo un vocabolario sempre più sparuto spurio sparito spaurito e per questo non riusciamo a capirci, nemmeno sui temi più elementari.

Lo studente più intelligente del Mondo disporrebbe di un qi pari alla stratosferica cifra di 230, come siano stati in grado di valutarlo, non riesco a immaginare: super qi, super infelicità, o, al contrario, super qi per super visioni in grado di ampliare gli orizzonti umani e del bene comune? Un’intelligenza così ampia potente evoluta, cresciuta all’ombra del doping cerebrale? Con super siero magico o senza? Dal basso del mio mesto qi, continuo a fidarmi più della magica pozione dei Galli, preparata solo con ingredienti naturali a partire dal vischio e dall’arrosto di cinghiale, rispetto al rimedio taumaturgico, in teoria scientifico, ma qualificato miracoloso: senza offesa per il buon santo Gennarino, partenopeo caro al mio cuore, che il suo dovere, semel in anno, lo assolve, egregiaMente.

A loro insaputa, alle nostre latitudini longitudini solitudini, molti troppi sono affetti – anche affettuosi, per carità – dalla sindrome dello Struzzo; mangereste a colazione uova di struzzo con pancetta affumicata? Teste sotto la sabbia, per non incontrare la Realtà, nemmeno con lo sguardo: mentre in Cambogia, patria dei Khmer rossi, un coraggioso ragazzo, capitano coraggioso di 16 anni, autistico, appassionato di Storia e Politica, soffre, recluso in carcere da giugno, reo di avere espresso in un video on line aspre precise critiche contro il governo del suo paese.

Giorgio, lo avresti mai immaginato che la letteratura fosse una bugia? Lo sosteneva anche quel burattino ligneo chiamato Pinocchio: i frutti della Fantasia, sono in fondo bugie, belle e buone chissà, ma bugie. Elogiasti lo scrivere oscuro, ma alla luce del Sole, oscuro ma non troppo, io Chiara e l’Oscuro, auspicando non si rivelasse il lato oscuro della letteratura. Un uomo, un autore, un intellettuale, nomato Manga – si scherza, talvolta, per non piangere – saggista eccelso, polemista quando e quanto basta; non vorrei essere il ferale latore di ferali notizie, eppure in questi strani giorni del Mondo Dopo, i referendum previsti dalla Costituzione quali strumenti essenziali della vera democrazia, sono affossati dai media servili, derisi e turlupinati da una mediocre classe impolitica, mentre istituzioni ormai zeppe di zappe e analfabeti costituzionali, lieti di servire i poteri economici autoritari, giulivi, definiscono gli scandalosi lasciapassare discriminatori: geniali passepartout (o grimaldello e cuneo?) della Libertà, pseudo normalità; non quella accademica, di Pisa, purtroppo.

Autunno incombente, tempo di migrare, transumanze umane animalesche;

cadono le foglie, speriamo non i frutti, troppo maturi, senza paracadute.

Ultra mega iper

Iper immune a me? Iper immune sarà lei, con tutta la sua discendenza, fino alla terza generazione; generazioni ravvicinate di terzo tipo.

Iper immune a chi, a cosa? Iper immune, impermeabile all’ironia, come certi scienziati a gettone, molto social poco collaborativi, pochissimo colLaboratori: frequentano più twitter delle sudate carte, più tik tok dei sudatissimi esperimenti; ironia codesta sconosciuta – εἰρωνεία mia, non esagerare o Ti ammonisco per dissimulazione – , la sparano grossa, la pietra, poi nascondono la mano, infine – canovaccio consunto – con la maschera tragica degli incompresi, si lamentano di essere stati travisati; se indossi maschere, il travisato sei tu.

Iper immune, deve essere una nuova peculiarità dei parlamentari italopitechi, quelli che votano in modo compatto e disciplinato leggi e provvedimenti che non leggono; o non li leggono – forse non sono pratici di letture – o non capiscono, tertium non datur. Votano norme incomprensibili illogiche incostituzionali, come se slavinasse; senza un fremito senza un battito di ciglia né del cuore, ché fossero talvolta esposti al batticuore forse non avrebbero cuore di approvare a cuor leggero sempre contento certe misure per misure irricevibili, inumane. Delle quali mai – e dico giammai – sono pronti ad assumersi responsabilità, politiche civili penali; del resto, persino i loro fidati fedeli fantomatici aiutanti, i famigerati portaborse e/o galoppini, lavorano al nero, non di seppia, purtroppo.

Iper immuni, ai codici alla legge fondamentale, alla deontologia, quella dell’onore della dignità del rispetto: della Vita e dei suoi cicli naturali; il rimedio iper immune naturale sarebbe quasi a costo zero, mentre quello artificiale, griffato brevettato dalle multinazionali costa un occhio della testa: volete mettere però, quanto risulti più trendy?

Iper immuni all’invasione degli ultra centri commerciali, dei mega mercati globali; ove fuggire quando nel Mondo Dopo si è ormai consolidato il passaggio dalla paura dello spazio vuoto – tipica dei nostri avi Latini – , al suo più spaventoso opposto?

Iper immuni agli hacker, ma solo se tentano di intrufolarsi dalla Russia con amore, quelli nostrani sono innocui e poi da quando le nostre identità digitali analogiche fisiche civili sono disponibili e soprattutto commerciabili coram populo – attendevo da tempo l’occasione per sfoggiare un po’ di latinorum, dopo tutto questo dispendio di albionico idioma ad minchiam – cosa volete che sia? Terrorismo, solo quello diffuso mediaticamente, per occultare vergogne istituzionali e politiche.

Complottismo a geometrie variabili, complottismi a orologeria, complottismi selettivi: da esibire o deridere alla bisogna.

Iper immuni al concionare filosofico, ma terribilMente pratico del Filosofo lagunare, simpatico ai micro poteri, quando contiguo e/o organico (composto organico?) al sistema, meglio se solare – l’aggettivo più abusato per sciatti coccodrilli pre confezionati: iper esecrabile, mega condannabile se critico e/o, peggio mi sento/peggio per lui, dubbioso tentennante tintinnante nella speculazione intellettuale sulle contraddizioni e sulle clamorose falle dell’impianto generale e del generale, quello caro al Palazzetto.

L’offerta è super, anche se nel titolo e nei patti non figurava, il risparmio mega, l’occasione ultra, il fesso iper non solo testuale, nel senso dell’ipertesto, in assenza di capolavori letterari; convenienza garantita, da chi e soprattutto cui prodest? Il latinorum abbonda nella bocca degli intrallazzatori e degli sciocchi, meno male che qui si digita.

Iper immuni – per somma fortuna – alla logica aristotelica, come direbbe l’amico radicale Maurizio Bolognetti: comparare le mega cifre sanitarie tra questa estate e quella precedente, scoprire ultra novità, sorprendenti, nonostante il siero miracoloso.

La vera clausura definitiva riguarda solo le capacità cognitive del popolo, ma il tesserino verde – ultra mega iper verde – concede le libertà, alcune: esclusive – assai esclusive – selezionate per voi dall’Algo algido Ritmo:

libertà concesse con spirito liberale, come concesse erano le costituzioni ottriate dai re illuminati nell’800 di qualche secolo del Mondo Prima;

ultra iper mega Estate 2021, per gentile concessione: è qui la festa?

ConCeduta!

Anche Nike è rimasta senza ali? Evadiamo, o almeno, evacuiamo

Pagina dell’Evasione, vera sognata presunta;

una pregunta, por favor: a che ora comincia la diretta per la fine del mondo come lo abbiamo conosciuto? In alternativa potremmo evadere anche noi da Alcatraz, da Yuma (occhio ai puma e al Popolo dei Pima), dalla Cayenna portandoci via anche un po’ di pepe? Una fuga sottotono decorosa poco chiassosa, soprattutto nei colori, per non dare nell’occhio.

Le evasioni sono sempre innocenti, al netto delle deviazioni perversioni sollecitazioni?

Caro vecchio patacca, Fidia, sapevi che già nell’antichità del Mondo Prima le grandi aziende del Mediterraneo globalista, secoli prima della globalizzazione, delocalizzavano in Arcadia (se lo sapesse Harlock…); non mi credi? Vai al Louvre, alla ‘Naik’, impiegata in un lavoretto poco pagato e senza tutele legali ai magazzini di Samotracia, sono cadute le braccia; pare sia riuscita a conservare le ali, anche se sarà complicato effettuare nuovi decolli, da decollata. Maledette ghigliottine.

Il grande capo supremo – non si tratta di burla, garantito dall’imparziale gilda di farmacisti ed erboristi del Mondo Dopo – degli alchimisti, dichiara con orgoglio: i nostri rimedi, mezza dose alla volta, sono traumaturgici contro ogni morbo, se non funzionano è solo colpa del cliente malato; ma per una vera miracolosa magica protezione dovrete acquistare e consumare più dosi ogni anno, da qui all’eternità; cosa volete che sia un piccolo sacrificio con la prospettiva della vita eterna? La vita e l’amore sono eterni, finché durano, anzi, finché dura la pacchia, per noi.

La Piffer prima ti vende la pillolina blu, per alluparti a dovere, poi quella rosa del day after, per non restare gravido, soprattutto di conseguenze, terribili. In ogni caso, contro ogni certezza, evidenza scientifica, correlazione extra coniugale, come dice il Maestro calabro saudita SalvaThor Bel Fiore: Vaginatevi!!! Tutti, più che potete.

Noi puntiamo senza indugio – credere obbedire (grazie, amico radicale Maurizio Bolognetti) vaginarsi – sull’Umanità di gregge: quando il gregge sarà davvero umano, potremo forse congedare auto proclamati pastori delle Genti.

Il paese – quale non si sa; un paese, brutti pignoli e anche pettegoli che siete! – risorgerà, dalle ceneri dalle macerie dalle miserie: grazie all’ausilio del piano ausiliario non Marshall, PNRR: piano nazionale ripresa della repressione; anche perché è noto che reprimendo a lungo, qualcosa prima o poi esplode: verso il Firmamento delle firme, più o meno prestigiose, e oltre.

Pythókritos, Pythókritos chi era costui? Vuoi vedere che per saperlo dovremo, ancora una volta, ringraziare quel vecchiaccio di Plinio che altro non aveva da fare che girare per cantieri, battaglie campali, intrufolare il naso in affari altrui e scrivere resoconti? Chissà quanto attendibili; incrociamo braccia e fonti e cerchiamo di ricavare frammenti, di verità.

L’evadere m’è dolce da questo mare, di sbarre (di plastica e non solo).

Evadere, evacuare – prima Donne e Bambini? – premessa essenziale e doverosa, prima della messa che poi finirà (ite fratres, missa est), rendersi conto della differenza;

comunque, verbi azioni funzioni: ‘entrambi due’ necessari, anzi, vitali.