Aminta il pastore, le sue greggi

Ecumene, Periplo, Paolo Rumiz.

Ho capito, a stento, solo Paolo Rumiz;

grande autore, grande esploratore.

Chiare fresche dolci acque, almeno un tempo, nel Mondo Prima. Le acque per Natura per vocazione per identità ontologica sono simbolo della femminilità, eppure spesso ci ostiniamo a maschilizzarle; un fatto evidente, spiegato bene da Rumiz che nelle sue dotte illuminanti peregrinazioni ha tratto conferme e prove, a una teoria dimostrata in concreto non solo da liberi filosofi, ma da menti libere con libero pensiero e sentimento: nessun elemento meglio dell’Acqua e quindi del Mare rimanda in modo potente al protettivo abbraccio corporeo del ventre materno.

Si può ancora scrivere e pensare Mamma, senza essere tacciati di arcaica forma mentis? Si può ancora riconoscere che la responsabilità e al tempo stesso il potere più grande e magnifico è stato attribuito alla Donna, con la sua precipua qualità chiamata: procreazione?

Oh perché non sono io tra i miei pastori, non come padrone, solo quale ammiratore della categoria – transumanza e transustanziazione non sono sinonimi, meglio ribadire, anche se forse sono entrambi processi che riguardano il divino – ; cani pastori, certo, ma anche Aminta mitologico pastorello. Lui potrebbe magari spiegare la tendenza di molti gruppi umani a farsi gregge, eppure nelle ere arcaiche – quei selvaggi, trogloditi – erano coscienti dei dati di fatto inoppugnabili: anche i demoni più potenti non potevano modificare o cancellare il libero arbitrio dell’uomo, a meno che non fosse l’incauto bipede a firmare di sua sponte un contratto, nel quale, in modo esplicito, rinunciava a questa facoltà.

Fine pena mai, immunità per il gregge mai, purtroppo. Il magico siero allontana la chimera, favorisce le alterazioni transgeniche. Troppi mutanti in giro, ormai e non per colpa della movida festaiola, estiva o della torcida calcistica; anche gli X Men appaiono spiazzati confusi infelici indecisi.

Segni segnali forse sogni, chi avrebbe dovuto capire chissà cosa ha recepito, ma chi per sua natura aveva già spalancato i canali della percezione cosmica, ha capito da quel dì lontano lontano; caro Torquato, come tu mi insegni ogni favola pastorale è in realtà un dramma, infatti è ripartita con più violenza che pria, con nessuna umanità, la caccia ai ribelli, le persone sane e magari addirittura serene. Rovinano i piani non si fanno inquadrare non si rassegnano non si arrendono non si uniformano conformano appiattiscono, maledetti; vedi, esimio Tasso che la metaforica bellica non fu utilizzata da subito a caso? Servirebbero gli interventi ausiliari e salvifici di Sylvia e Dafne, servirebbe una nuova Arcadia impenetrabile per i resistenti del III millennio, servirebbe una cosmonave Arcadia del Mondo Dopo.

Una neo mitica Arcadia inespugnabile, con obbligo di lasciapassare per i richiedenti cittadinanza, non per spirito privo di empatia e accoglienza, ma per vitale tutela, considerando il virus di nazifascismo che pare aver contagiato molti, troppi della banda dei buoni. Ora, ennesimo esempio della sindrome non cinese ma globale, si sono inventati le trivelle sostenibili, per compiacere le multinazionali dell’inquinamento fossile, indispettite anche solo a sentir parlare di svolta ambientale ecologica; a molti amministratori delegati, poverini, andavano di traverso i cocktail e gli stuzzichini degli aperitivi sui rooftop (Eh???) panoramici esclusivi.

Nel frattempo, chissà che fine avrà fatto Aminta. Pare che la pastorizia gli risultasse stretta, pare che la vita bucolica lo tediasse, pare abbia preferito farsi Re, dei pastori delle greggi delle terre. Se non ci frantumassero l’anima, potremmo quasi inspirare fiducia, aspirare ad un pizzico di gioia di vivere.

La variante delta sta mutando, velocissimamente, in variante dittatoriale, meno male che – in teoria – dovremmo per Costituzione essere forniti di robusti anti corpi. In caso contrario, dosi a go go di punturine ri costituzionali.

La vera gioia è talvolta racchiusa in piccole cose: una spaghettata alla bottarga di Tonno rosso di Marzamemi, ad esempio.

Una bottarga e via, con il sorriso.

Anche Nike è rimasta senza ali? Evadiamo, o almeno, evacuiamo

Pagina dell’Evasione, vera sognata presunta;

una pregunta, por favor: a che ora comincia la diretta per la fine del mondo come lo abbiamo conosciuto? In alternativa potremmo evadere anche noi da Alcatraz, da Yuma (occhio ai puma e al Popolo dei Pima), dalla Cayenna portandoci via anche un po’ di pepe? Una fuga sottotono decorosa poco chiassosa, soprattutto nei colori, per non dare nell’occhio.

Le evasioni sono sempre innocenti, al netto delle deviazioni perversioni sollecitazioni?

Caro vecchio patacca, Fidia, sapevi che già nell’antichità del Mondo Prima le grandi aziende del Mediterraneo globalista, secoli prima della globalizzazione, delocalizzavano in Arcadia (se lo sapesse Harlock…); non mi credi? Vai al Louvre, alla ‘Naik’, impiegata in un lavoretto poco pagato e senza tutele legali ai magazzini di Samotracia, sono cadute le braccia; pare sia riuscita a conservare le ali, anche se sarà complicato effettuare nuovi decolli, da decollata. Maledette ghigliottine.

Il grande capo supremo – non si tratta di burla, garantito dall’imparziale gilda di farmacisti ed erboristi del Mondo Dopo – degli alchimisti, dichiara con orgoglio: i nostri rimedi, mezza dose alla volta, sono traumaturgici contro ogni morbo, se non funzionano è solo colpa del cliente malato; ma per una vera miracolosa magica protezione dovrete acquistare e consumare più dosi ogni anno, da qui all’eternità; cosa volete che sia un piccolo sacrificio con la prospettiva della vita eterna? La vita e l’amore sono eterni, finché durano, anzi, finché dura la pacchia, per noi.

La Piffer prima ti vende la pillolina blu, per alluparti a dovere, poi quella rosa del day after, per non restare gravido, soprattutto di conseguenze, terribili. In ogni caso, contro ogni certezza, evidenza scientifica, correlazione extra coniugale, come dice il Maestro calabro saudita SalvaThor Bel Fiore: Vaginatevi!!! Tutti, più che potete.

Noi puntiamo senza indugio – credere obbedire (grazie, amico radicale Maurizio Bolognetti) vaginarsi – sull’Umanità di gregge: quando il gregge sarà davvero umano, potremo forse congedare auto proclamati pastori delle Genti.

Il paese – quale non si sa; un paese, brutti pignoli e anche pettegoli che siete! – risorgerà, dalle ceneri dalle macerie dalle miserie: grazie all’ausilio del piano ausiliario non Marshall, PNRR: piano nazionale ripresa della repressione; anche perché è noto che reprimendo a lungo, qualcosa prima o poi esplode: verso il Firmamento delle firme, più o meno prestigiose, e oltre.

Pythókritos, Pythókritos chi era costui? Vuoi vedere che per saperlo dovremo, ancora una volta, ringraziare quel vecchiaccio di Plinio che altro non aveva da fare che girare per cantieri, battaglie campali, intrufolare il naso in affari altrui e scrivere resoconti? Chissà quanto attendibili; incrociamo braccia e fonti e cerchiamo di ricavare frammenti, di verità.

L’evadere m’è dolce da questo mare, di sbarre (di plastica e non solo).

Evadere, evacuare – prima Donne e Bambini? – premessa essenziale e doverosa, prima della messa che poi finirà (ite fratres, missa est), rendersi conto della differenza;

comunque, verbi azioni funzioni: ‘entrambi due’ necessari, anzi, vitali.

META(meteo)CRONISMO?

Pagina dell’Impero delle Tenebre, collocato nel mezzo del cammino (camino) del Cielo.

Eppure, puré, la Luce c’è, sempre: magari Nera, ma c’è.

Pagina delle serate domestiche da Incubo, da cancellare, anche no: certo, se apparissero Bem tre dita, Dylan Thomas Dog e Edgar per gli amici Allanpoe, forse gli stessi incubi, cubi di Kubrik con arance meccaniche, risulterebbero più divertenti, interessanti, perfino auspicabili.

Ragazzo, che aspetti? Incominciano ora non i Fumetti in TV ma gli incubi, al tuo stesso desco, disco, ring o per l’Estate – se mai tornerà – disco volante freesbee vespertino, tra folate di fatale Ponentino.

Non lamentarti non fuggire non inseguire, respira a pieni polmoni, metabolizza lezioni nel Peripato incantato (sii gentile con le Peripatetiche) in presenza dal vivo a vivo, una vera delizia una rarità ancestrale un immane privilegio.

Tutto è andato – bene, no? – morire è solo un passaggio roseo… , un esodo Esiodo coatto;

codesto modesto Mondo Dopo, anzi questa Post Umanità, è diventata migliore, si è evoluta su sé stessa, ha imparato (un po’ troppo a memoria), certaMente non sprecherà la nuova fiammante ultima grande Opportunità: infatti difatti anfratti, continua a ignorare la Tragedia ambientale e a seguire ipnotizzata circuita irretita gli ordini le direttive gli spot imposti dai Letali Pifferai del Piffero, anzi del pil.

Come insegna Krishna, se vuoi vivere in serenità, impara a vedere con gli stessi Occhi gioia e dolore, successo e fallimento;

sulle vette tibetane sferzate dal gelo, Anime rarefatte trasmigrano più facilmente.

In fondo, quanto pesa un’Anima, anche in pena, senza peana celebrativo? Mia Signora: 21 grammi al netto, senza più tare. Mio Devoto, l’Essere, quello resta anche senza Kundera un fardello insostenibile.

Sostiene Sylvain che non si profanano i Sogni (e gli Incubi) con le chiacchiere; soprattutto, aggiunge il paria scribacchino olografico, quelle inesistenti ammorbanti asfissianti, via a-social virtuali, mai virtuosi, vetero modernisti.

La Vita e la Natura sono perfette sincroniche senza morali false moraleggianti, esiste e accade tutto ciò che sempliceMente deve.

Stalagmiti di misteri appaiono ogni giorno dal suolo a lastricare di trabocchetti il nostro sentiero, il nostro incerto incespicante imbarazzante incedere.

Quanto è bello l’Autunno rosso porpora, con i falò apotropaici e la sporogenesi di Lune d’argento, quanto è bello chiamare con l’ocarina Il Pirata cosmico, Capitano dell’Arcadia:

la sua Bandiera è ora e sempre il nostro vessillo di Libertà.