Senza Amnistia

Mi risvegliai avvolto in una notte oscura… non dalle tenebre naturali, di solito mie protettive e invocate amiche, ma da quelle primordiali, del Nulla, precedenti al Kaos che generò la Vita.

Come era stato possibile ritrovarmi catapultato in quella dimensione se ogni spostamento, anche minimo, fisico e mentale, era stato proibito? Avevo viaggiato in linea retta, scalando un Himalaya, o ero stato risucchiato da un imbuto dantesco? Mi ero ritrovato solo, anche lì, circondato da assenza di vita, assenza di suono, elisione totale di ogni forma, anche solo rudimentale e primigenia, di logos.

Ero atterrito, angosciato e senza parole per raccontare. Parole che sarebbero comunque state strumenti inutili in quel contesto.

Mi accucciai istintivamente, ripiegamento fetale e illusoriamente protettivo. La testa dentro le braccia per sottrarmi a insidie terribili, in quanto non visibili, ectoplasmatiche.

Tremavo, ansimavo, piangevo.

All’improvviso, una luce argentea, un ponte infinito di luce, un fiume d’argento dal fluire placido. La visione mi fornì conforto, per un attimo. Requie repentina ipocrita. Poi le vidi, gli occhi riuscirono di nuovo a mettere a fuoco le immagini in quel buio oltre tempo. Scorrevano a centinaia, come in cerimoniale regata funebre. Bare d’argento. Non riuscivo a contarle, Non centinaia, migliaia.

Scorrevano lente e inesorabili al centro del letto fluviale, avanzavano senza imbarcazione guida, senza corteo luttuoso al seguito. Come potevo assistere a quello spettacolo tremendo se stavo serrando le palpebre in uno sforzo innaturale e disumano, fino a infliggermi dolore, al limite della sopportazione; come preferissi auto infliggermi la cecità per esplosione, anzi implosione delle pupille nelle rispettive orbite oculari, invece di essere condannato ad assistere a quella macabra scena?

Cosa rappresentavano quelle bare, un incubo, un sogno malato? Contenevano davvero corpi umani senza più calore? Amabili resti di quelle che un tempo furono persone nel Mondo Prima? Come forse ero stato anch’io? E cosa ero in quella realtà apocalittica?

Fu straziante il pensiero di essere chiamato a sollevare i coperchi di alcuni di quei tetri involucri e scoprire all’interno le salme dei miei familiari, di qualcuno della mia brigata di Amici, di qualcuno che amai profondamente e di qualcuno da cui fui sinceramente e disperatamente amato.

Prostrato e senza più forze mi arresi.

Meglio la prigionia solitaria, eterna, senza rimembranza, senza possibile amnistia.

maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Hermes Pittelli

Piccole donazioni per chi volesse utilizzare il materiale di questo blog o semplicemente sostenere l'Autore squattrinato. Grazie.

€10,00

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...