La memoria dei Mammuth e delle Pietre

Facile battuta: alla razza umana servirebbe un hard disk quantistico (come sono aggiornato!), una Memoria quasi infinita, come quella dei Mammuth.

I Mammuth si sono estinti, però se lo ricordano bene! Soprattutto, rammentano i perché e tutte le eventuali sciocchezze che hanno commesso; poi certo, una cospirazione universale contro di loro ha giocato sporco, eliminandoli in blocco ma questa è materia per paleontologi e storici.

Sei forse tu paleolitico? Dunque, abbi almeno la dignità del Silenzio.

Io da paleolitico quasi parente dei Flinstones e soprattutto di B.C. posso continuare a compulsare sciocchezze, virtuali.

Litico, appunto (litico, anche con me stesso, appena sveglio al mattino): perché oltre alle memorie virtuali esistono quelle delle pietre, altroché miscredenti malfidati. Per tacere, dei paradossi – dossi stradali? – che non sono paradenti o para bellum o para parti delicate, ma forse ci arriveremo; nel senso, a intenderci non ai sospensori utilissimi ai discepoli di Tersicore.

Le pietre emiliane soprattutto hanno voluminosa memoria – da suscitare l’invidia di Pico della Mirandola – ma anche quelle del Foro Romano e quelle del Partenone, se proprio non volete considerare la mirabile Magna Grecia (peggio per voi, senza offesa): interrogate in modo giusto e adeguato, ne avrebbero da raccontare.

La memoria, la memoria, della storia, delle Storie; un registro scolastico compilato quotidianamente con piccole volute – le volute di fumo azzurro lontananza, azzurro nostalgia – imprecisioni e ai posteri non sarà demandata l’Adua sentenza, ma tramandata una piccola verità storica, parziale, aggiustata, a uso e consumo.

Memoria, per chi volesse affrontare la sfida, Proust e Joyce vi attendono a braccia e tomi spalancati.

Pietre nella testa, quelle calpestate in epoche diversi, in snodi drammatici della vicenda umana sul pianeta, da Aristide e Hermes; se 22 e 14 anni vi sembrano pochi molti giusti, per affrontare le prove sovrumane imposte da guerre atroci, in Africa, in Europa, decise da uomini aridi pavidi gretti avidi: stupidi.

La memoria dei virus mutanti è formidabile – ah, ci fosse ancora il covo di quei formidabili pirati salgariani, dell’Emilio, che da bambino avrebbe voluto imparare non solo a navigare, ma a disegnare il Vento – meno quella dei bipedi che in teoria dovrebbe vigilare sulla nostra salute e garantire un’equa distribuzione delle risorse, comprese quelle scientifiche mediche farmacologiche.

Non ci sarà mai vera Giustizia fino a quando lo stato riterrà evasore un Poeta Inventore come B.M. – non il sedicente duce,m a Benito Martinuzzi – nullatenente causa affannoso inseguimento di un Grande Sogno, mentre continuerà a trattare con guanti bianchi i furfanti della grande evasione, quelli che uccidono scuola, ricerca, salute pubbliche.

Un gatto di pietra può ispirare un paradosso della branchia meccanica della fisica quantistica, conservando agilità e magia prettamente egizie, dell’antichissimo Egitto; se non mi ritenete affidabile né credibile – giustamente – crederete a Erwin Schrodinger che nel remoto, nel senso di lontanissimo da noi, 1935 utilizzò anche molta ironica fantasia per evidenziare quanto la meccanica quantistica applicata a un sistema fisico macroscopico portasse a risultati irridenti il buon senso quotidiano: noi, come il celebre gatto, possiamo essere considerati all’unisono vivi e morti, come i portentosi rimedi potrebbero senza dogma essere considerati efficaci o perfettamente inutili; del resto la ricercatrice sudafricana Coetzee – omonima di un grande Nobel della Letteratura – nonostante si sia sgolata per spiegare che Omicron causa sintomi lievi nonostante la rapida trasmissibilità, non è riuscita a evitare il solito allarmismo mediatico, con crollo delle borse e psicosi globali, peggio di quando sulla Terra giunsero i rettili alieni chiamati Visitors.

I Mammuth marciano, magari in modo flemmatico, le memorie quantistiche – memorie di Adriano, memorie di un Quanto – no, quindi sono utili non solo quali intelligenti animali da compagnia, ma nel caso, da soma;

le memorie virtuali di un comunissimo pc o quella di una chiavetta usb sono leggerissime volatili frivole, possono fuggire disperdersi scomparire nello spazio più o meno infinito;

quelle dei colossi litici no, non saranno pratiche da trasportare o portare, hanno il vantaggio però di essere – di solito, perfino in questo Mondo Dopo – stanziali:

sai sempre dove trovarle.

Zulù nella Giungla

A Fanna affannati, appannati, nella vista nella mente nel fisico.

In Pedemontana, cercando meravigliosi Muli, intelligenti parlanti infaticabili alpini, nella chimera di sfuggire all’innalzamento dei Mari, cercando antichi campi di calcio, per campali battaglie calcistiche, con tutto il paese pronto a intervenire, in caso di sconfitta.

Chiesette sgarrupate, campanili sghembi ove risuonano campane di bronzo, fantasma.

Niente (di) male, purtroppo anche per questa settimana, niente gusto Malaga, nelle gelaterie artigianali del territorio; peccato, non tutti i vecchi gusti meritano di finire senza gloria rottamati.

So quello che faccio, faccio quello che so, o, almeno credo m’illudo; faccio quello in cui credo, mente ferma, fermaMente: peggio mi sento.

Mai scorderai la chitarra e l’attimo in cui tutto cambiò, l’aria si fermò e gli avvoltoi e i cecchini, sui tetti delle case, sulle colline, sopra attorno alla città; arrivò il generale Inferno – anche un po’ infermo, senza discriminazione, sia mai – senza disco, con il categorico obiettivo di inoculare tutti, per forza d’amore, o per amore o per forza;

non disperdiamoci in chiacchiere.

Gas da inalare, questa la geniale soluzione per distribuire meglio i miracolosi rimedi, come in quel vecchio film di HitchcockIntrigo Internazionale, roba riservata ai veri komplottisti – stormi di aerei sopra i centri abitati, ma anche sopra distese agricole, foreste, mari, catene montuose: tutto in un colpo unico, anti crittogamici e elisir batteriologici la nuova Umanità sarà servita, di barba e capelli. Effetti collaterali pochi, q.b., quanto basta, quanto basta a loro; si sa, non pretenderete di ottenere il progresso senza corrispondere una giusta mercede(s?), vero?

Il cetaceo nuota placido nelle acque verde smeraldo, si avvicina lentamente, con giustificata prudenza, qualcuno dice con rispetto; nuota sotto la barchetta di una coraggiosa Donna solitaria, una danza cerchi concentrici, senza aggressività, senza gesti di nervosismo o paura per alcuni minuti; anche una lieve spintarella alla minuscola imbarcazione pare più una sorta di giocoso invito a interagire che una baldanzosa provocazione: sembra quasi che tra il gigantesco mammifero e la rappresentante umana si svolga un dialogo, in un codice arcano antico eppure comune, come se la lingua originaria delle Creature del Mondo fosse ancora inscritta, dentro ognuno di noi, depositata con cura dentro il DNA.

Pane tanto pane, quantità quasi infinite di pane, ricavato dalla plastica riciclata: forse fantascienza, eppure nelle fabbriche segrete di Indastria, ultimo avamposto urbano tecnologico dopo la grande ondata nucleare, Conan ragazzo del Futuro, assiste proprio a questo ‘miracolo della scienza’ (va così di moda, la scienza miracolosa): sarebbe un vero bel colpo, perché in un solo colpo risolveremmo il problema dell’inquinamento da plastica e quello della fame; ma forse, per il secondo, dovremmo solo imparare a dividere il pane quello disponibile, evitando che nostri Sorelle Fratelli finiscano a vivere gettati a terra per le strade delle città o accampati dentro immense discariche di monnezza, come fossero rifiuti rifiutati, scarti della razza umana, così egoista da non accettare in primis i limiti, naturali.

Ah cosa sarà mai questa crisi, cosa saranno mai questi limiti?

Quelli descritti da Agatha Christie, anno fatale o di grazia, a seconda dei conflitti d’interesse, 1970: quando la scienza, nuova religione di stato anzi di globo, crede di potersi baloccare oltre, oltre ragione oltre etica oltre metafisica, rischia di diventare non solo fonte di mali indicibili, ma arma finale di fine di mondo. Un’autentica complottista ante litteram, questa Agatha; Agatha, Tu mi stupisci.

Perdersi nella Giungla della Realtà, insieme agli Zulù di lingua Bantù, (ri)scoprire la superiorità della civiltà africana, pensando agli articoli di Antonio Gnoli, all’incredibile identità di vedute sulla vita dell’Uomo e della Donna nelle opere di Dante, Proust, Joyce: l’esilio o il peregrinare senza fine resta l’unica patria senza confini, infinita come la grandezza di queste menti che ci interrogano con le loro profezie e ci mostrano come questo Mondo Dopo sia già al passo d’addio, “allo stadio finale”, ma solo per convincerci dell’urgenza di edificarne uno nuovo:

forse migliore, forse più umano.

O, semplicemente umano.